ITA TERRAEMOTUS DAMNA IMPEDIRE – Note sulle tecniche antisismiche storiche in Abruzzo

39.00

Perché il centro storico dell’Aquila non ha visto il crollo generalizzato degli edifici sulle strade, come invece avvenuto in occasione di altri eventi tellurici del sud d’Italia?

Esaurito

Perché il centro storico dell’Aquila non ha visto il crollo generalizzato degli edifici sulle strade, come invece avvenuto in occasione di altri eventi tellurici del sud d’Italia?
Grazie a quali tecnologie antisismiche adottate nel passato, moltissimi degli edifici aquilani hanno resistito ai terremoti del 2009 e prima del 1703? Siamo certi che le soluzioni antisismiche oggi applicate nel recupero del costruito storico, siano le migliori possibili? Sono questi gli interrogativi cui risponde il volume, che con una approfondita, puntigliosa, documentatissima ricognizione sulle strutture messe a nudo dal sisma, consente di rileggere e “riscoprire” le tecniche antisismiche dei secoli passati, con un approccio storico evolutivo e con particolare riferimento al meridione italiano e all’Abruzzo. Ne esce un quadro di competenze e metodologie cui guardare con rispetto e attenzione, per il restauro antisismico filologicamente corretto del costruito storico.

Dimensioni 20 × 28.5 cm
Autore/i

Maurizio D’Antonio

Pagine

224

Testi

Italiano

Illustrazioni

circa 400 in b/n

Confezione

Rilegato con copertina rigida illustrata a colori

ISBN

978-88-501-0356-0

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “ITA TERRAEMOTUS DAMNA IMPEDIRE – Note sulle tecniche antisismiche storiche in Abruzzo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × due =

Carrello