In offerta!

MONILI E MERLETTI DI PESCOCOSTANZO NELLA PITTURA DEL ’600

4.75

In un agile opuscolo di sole 32 pagine, sono racchiuse e porte al pubblico dei lettori attenti alle (belle) cose dell’arte e della sua storia, un gran numero di nuove notizie e attribuzioni relative alla produzione artistica di e per quel piccolo gioello che è Pescocostanzo, la più sorprendente, ricca e blasonata “città d’arte” dell’Appennino. Grazie agli studi e alle ricerche di Floriana Conte, una giovane ma affermatissima storica dell’arte, si riconducono infatti a Pescocostanzo e alle sue grandi famiglie imprenditoriali le vicende di un notissimo quadro di Massimo Stanzione, chegetta nuova luce e importantissima testimonianza storica sia sulle produzioni orafe che di merletto al tombolo locali. Una piccola “gemma” da non perdere!

In un agile opuscolo di sole 32 pagine, sono racchiuse e porte al pubblico dei lettori attenti alle (belle) cose dell’arte e della sua storia, un gran numero di nuove notizie e attribuzioni relative alla produzione artistica di e per quel piccolo gioello che è Pescocostanzo, la più sorprendente, ricca e blasonata “città d’arte” dell’Appennino. Grazie agli studi e alle ricerche di Floriana Conte, una giovane ma affermatissima storica dell’arte, si riconducono infatti a Pescocostanzo e alle sue grandi famiglie imprenditoriali le vicende di un notissimo quadro di Massimo Stanzione, chegetta nuova luce e importantissima testimonianza storica sia sulle produzioni orafe che di merletto al tombolo locali. Una piccola “gemma” da non perdere!

Dimensioni 17 × 24 cm
Autore/i

AA.VV

Pagine

32

Testi

italiano

Illustrazioni

25 illustrazioni a colori, legato con spillatura

Confezione

Legatura in tela con sovracopertina e custodia rilegata e illustrata

ISBN

978-88-501-0288-4

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “MONILI E MERLETTI DI PESCOCOSTANZO NELLA PITTURA DEL ’600”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciotto − 5 =

Carrello